Apnee notturne e protrusori

Apnee notturne e protrusori: perché quest’accoppiata?

Le apnee notturne sono un un gruppo di patologie che prevalgono nei maschi rispetto alle femmine. Sono poco conosciute dalla popolazione italiana ma largamente diffuse. Nelle apnee notturne  i vari specialisti, neurologo, pneumologo, otorinolarigoiatra, cardiologo e il dentista affrontano la problematica in termini multidisciplinari. Si parla di OSAS, ossia di malattie dove l’apnea legata al sonno è uno degli aspetti caratterizzanti. Spesso vengono diagnosticate quando la malattia è arrivata ad una fase grave che deve essere trattata con la C-PAP . Questa è una  macchinetta erogante aria a pressione positiva che assiste la respirazione durante il sonno. I dentisti in questa malattia hanno un’importante azione di supporto, grazie all’utilizzo di particolari dispositivi, i Protrusori mandibolari.

Perché i protrusori mandibolari sono utili

Inseriti in bocca costringono la mandibola a mantenersi in una posizione anteriorizzata spostando allo stesso tempo anche la lingua. In questo modo i tessuti molli del faringe pur collassando non ostruiscono completamente le vie aeree superiori. L’aria può fluire così più facilmente  ed evitare che insorga l’apnea. I protrusori mandibolari sono delle protesi che vanno indossati di notte. Sono molto confortevoli e tollerati benissimo dai pazienti. L’impatto rispetto alla CPAP è notevolissimo. Quando esistono le  indicazioni diventano il dispositivo di prima scelta.

 

 

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *